Concorso Asp Catania, 40 posti di Collaboratore Amministrativo Professionale: ecco il bando

Avatar
Redazione

Continua la pubblicazione dei bandi di Concorso Asp Catania: nella Gazzetta Ufficiale di venerdì 20-11-2020 è stata pubblicata una nuova procedura di selezione per 40 Collaboratori amministrativo professionali, da inserire in categoria D a tempo indeterminato.

Ammessi i laureati in Giurisprudenza, Scienze Politiche, Economia e Commercio ed equivalenti. Le domande devono essere presentate telematicamente entro il 21 dicembre.

Vediamo come partecipare, requisiti necessari e prove di selezione.

Concorso Asp Catania 40 collaboratori amministrativo professionali: requisiti di accesso

Gli interessati devono essere in possesso di un Diploma di Laurea di vecchio ordinamento in Giurisprudenza, Scienze Politiche, Economia e Commercio o di una corrispondente Laurea Magistrale o Specialistica. Sono ammessi i titoli conseguiti all’estero se, entro la data ultima di invio delle domande, sono stati riconosciuti equipollenti a titoli italiani dalle autorità competenti.

Il provvedimento deve essere richiesto appositamente per la partecipazione al concorso.

Sono richiesti inoltre:

  • cittadinanza italiana o di uno dei Paesi dell’Unione Europea;
  • idoneità fisica all’impiego, che verrà accertata dall’Azienda sanitaria provinciale prima dell’immissione in servizio.

Concorso Asp Catania 40 collaboratori amministrativo professionali: domanda

Le domande di partecipazione devono essere trasmesse entro il 30° giorno successivo alla pubblicazione del bando in Gazzetta. Il termine è prorogato al 21 dicembre 2020, primo giorno non festivo.

La piattaforma telematica consente la compilazione e l’invio 24 ore su 24. Da allegare anche la ricevuta di pagamento del contributo di partecipazione che ammonta a 15 euro.

Concorso Asp Catania 40 collaboratori amministrativo professionali: prove

Le prove che determineranno il punteggio della graduatoria potrebbero essere anticipate da una preselezione, consistente in un test con quesiti a risposta multipla sulle materie a concorso, sull’organizzazione dei Servizio Sanitario Nazionale e Regionale e sulle capacità di analisi e risoluzione di problemi applicabili a situazioni operative tipiche del profilo.

La selezione prosegue con la valutazione dei titoli e le seguenti prove:

  • scritta, un tema oppure quesiti a risposta sintetica su argomenti attinenti al profilo;
  • pratica, esecuzione di tecniche specifiche o predisposizione di atti;
  • orale, un colloquio per accertare le conoscenze delle materie, delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e della lingua inglese.

@LeggiOggi.it

Reply