“POLITICA SORDA IN SICILIA E I GIOVANI SCAPPANO”

Avatar
Redazione

Un solo squillo e risponde. Sempre con la sua immutabile effervescenza. Una vivacità tutta sua. “Ciao Peppe, come stai? A cosa devo la tua chiamata?”. Replico che mi piacerebbe intervistarla. “Ho detto di no a tanti tuoi colleghi – riferisce -. Sono troppo impegnata in un progetto e non riesco. Ma per te – mi rincuora – faccio un’eccezione. Te lo meriti per il grande garbo e rispetto ultradecennali, che hai sempre nutrito nei miei confronti. Facciamoci una chiacchierata. Una delle nostre”. Lei è Silvana Grasso. Non ha bisogno alcuno di presentazioni. La conoscono anche nell’arcipelago di Tonga. Scrittrice, filologa. I suoi tanti libri (racconti, romanzi, poesia), sono stati tradotti in inglese, greco, olandese, tedesco e le sue pièce teatrali, sono state rappresentate in tutta Italia. Ed in Francia e Spagna. Colleziona riconoscimenti dal 1993 ad oggi. Proprio nell’anno che ci siamo lasciati alle spalle, ha ricevuto, a Gela, il premio internazionale Auriga – Eccellenze Italiane nel Mondo e la Gorgone d’Oro. Chapeau.  Ha insegnato per anni, latino e greco,  al Liceo Classico Eschilo e nel 2007/2008, è stata assessore ai Beni Culturali di Catana, in giunta Scapagnini. Il progetto “Una cultura da Castello”, indirizzato a rivalutare il Castello Ursino, porta la sua firma. La chioma color rosso fuoco, è il suo segno distintivo. Ci diamo del tu, memore di un fatto accaduto anni fa. Da me invitata in una rubrica televisiva, la presentai dandole del lei. “No caro Peppe – sentenziò -. Ci conosciamo da tempo, e il lei con me non esiste. O continuiamo a darci del tu, anche davanti alle telecamere, oppure tolgo il disturbo”. Sic et simpliciter.  

Allora cara Silvana, di te sappiamo tutto o quasi. E sappiamo che sei un’attenta osservatrice della scena politica. Ti chiedo: sei soddisfatta dell’attuale governo regionale?

“#diventeràbellissima è stato l’hastag del Presidente Musumeci per la sua elezione del 2017, siamo ormai agli “sgoccioli” e il Presidente pensa già da tempo a ricandidarsi e vincere. Se questo è l’obiettivo, cambi di gran corsa non solo l’hastag ma chi glielo ha consigliato. Da molteplici sondaggi, protagonisti i cittadini, l’obiettivo non è stato raggiunto e c’è poco da sperare, il quinquennio ha di fatto ormai le valige in mano. Bellissima, paesaggisticamente, climaticamente, lo era già la Sicilia, per grazia di Madre Natura, ma tutto il resto? Servizi, strutture, efficienza, manutenzione, economia, occupazione…? Aspettiamo con non poca curiosità il prossimo hastag e speriamo che lo azzecchi!

È eccezionale che un “eletto” Sindaco o Presidente di regione o di Consiglio, sia “promosso” anche da chi non lo abbia votato. Non è il nostro caso, ahi noi, oggi in Sicilia chi ha votato Musumeci è assai meno indulgente con il Presidente di chi non lo ha votato.

Un’insanabile piaga siciliana è che per interesse (incarichi immeritati, cialtroni in questua permanente ed altro ancora), o per stanchezza, tanto nulla cambia mai secondo l’inveterato principio del Gattopardo, si tace e la protesta sana, rigorosa, sanguigna, anima di un popolo libero, dorme il sonno dei ghiacciai. Da più parti si tenta di camuffare l’inerzia dello status quo con il Covid che, paradossalmente, almeno lui ha gridato da solo, nel deserto della sanità siciliana, lo smantellamento di Ospedali, di Pronto Soccorso, di cui la responsabilità prima e unica è della Politica che negli ultimi 15/20 anni ha ghigliottinato non poche strutture ospedaliere, prontamente inaugurate ma mai abilitate, e Pronto soccorso, garanzia di vita in piccoli centri dove morire in assenza di un intervento immediato è “reato” politico e di coscienza. Poiché – continua – non c’è personaggio politico che non abbia la sua paginetta facebook, o più d’una, per lo più dedicate a inaugurazioni, esposizioni, selfie e simili, si potrebbe molto efficacemente, in modo semplice, non certo in burocratese, informare costantemente il cittadino comune sui lavori di Giunta – cosa si fa, chi lo fa in quali tempi con quali costi – lavori che non richiedono certo la segretezza delle società carbonare! Informare costantemente i cittadini non è un merito è un dovere, non comunicare in modo costante e semplice, senza il calcare del burocratese, è  pericolosa sottovalutazione dell’elettorato. Credo, ma non me ne preoccupo affatto,  che per taluni io sia fastidiosa, quasi molesta perché nei miei articoli, su cui sono state realizzate ottime tesi di laurea, interrogo fatti, atti, accadimenti, realtà e anamnesi  in modo che l’analisi dell’operato politico e l’eventuale collazione sia seria, sincronica e diacronica. Sono fastidiosa dunque? Sì, ma solo come può esserlo, fastidiosissimo, perché brucia tanto, un collirio indispensabile contro una dolorosa congiuntivite! Il nostro Presidente è stato ed è costantemente sotto assedio da parte di finti alleati (i socii latini) come da parte di veri alleati, mentre al momento l’opposizione langue narcotizzata dal Covid, ma il Covid ha ormai i giorni contati, bisogna dunque cercare un altro “narcotico” di pari efficacia! Siamo abituati anche a livello nazionale ad “opposizioni” che non solo non oppongono ma sostengono a spada tratta gli avversari con cui chattano freneticamente e con emoticon, dagli spalti della Camera, fino all’ultimo voto!”

Torniamo a Gela. Un anno e mezzo di sindacatura Greco. Qual è il tuo pensiero? 

“Il sindaco Greco dalla sua elezione vive più al Comune di Gela che a casa sua. Ma basta l’abnegazione a garantire il benessere d’una Città? Basta dare anima e corpo, anche a discapito della famiglia e della professione, quando la Città sia ferita a sangue? Nonostante sia stato un costante appassionato osservatore politico, non credo che Lucio Greco si aspettasse di trovare tutto quel che poi ha trovato. Debiti annosi mai estinti, grossissimi mutui di cui si riesce a pagare forse solo gli interessi, una crisi endogena di lavoro senza precedenti che si somma a quella esogena, famiglie al collasso economico e nervoso, famiglie debilitate dall’assenza di ogni spiraglio di salvezza da questa via crucis. Scuole pericolanti e pericolose, strade sbudellate, frane su cui si è intervenuti con micro interventi, per lo più emergenziali, non risolutori, sicché a ogni pioggia il costone collassa con grave rischio di vite umane. C’è una Città intera da rifare ristrutturare, riorganizzare, rimodulare, rimodellare, rivitalizzare, ricompattare e, quando i soldi in cassa sono pochissimi, non basta solo lo spirito di servizio, l’amore, l’abnegazione, la voglia pur encomiabile di farla risorgere. Furono questi i motivi seri non altro  – ribadisce –  a farmi rifiutare la candidatura a sindaco nell’ultima competizione. Sono stata, nel dire fermamente di no alla richiesta d’una mia candidatura a sindaco di Gela, molto meno emotiva di Lucio Greco ma non meno solidale. Pensavo e penso che un ottimo generale senza un esercito eccellente e strumenti adeguati perde uomini e guerra. Poiché la devastazione di Gela mi era chiarissima e poiché non ho le qualità di padre Pio, dunque non faccio miracoli, rifiutai con molta doglia e, devo dire, con molto dispiacere di tantissimi cittadini e professionisti che, stufi delle ere politiche precedenti, confidavano in me,  prontissimi a sostenermi fuori da ogni diktat  politico. C’è anche da dire che i social hanno finalmente sdoganato gli imperativi di un tempo (vota chissu, vota chiddru), oggi la base elettorale sono i social che eleggono il loro candidato senza nessuna becera campagnetta politica ma solo in considerazione dell’opinione che sui social si sono fatta dei candidati.  Stantibus sic rebus non sarei stata affatto, ove avessi accettato la competizione, danneggiata dal vivere altrove. Da anni vivo a Giarre non tanto perché ci sono nata, è una cittadina soporifera, narcotizzante, ma perché ho l’aeroporto a 20 minuti.  Io per lavoro vado spessissimo all’Estero, almeno dove oggi si può, ma a vaccinazione ultimata riprenderò la mia entusiasmante incessante “esplorazione” accademica e culturale in quei Paesi del  Mondo dove si fanno convegni d’eccellenza sulla mia opera letteraria e teatrale”. 

Mai un presidente della regione donna e mai un sindaco donna a Gela. Perché la politica non ha mai pensato a questa soluzione?

“Non credo che il genere sia mai una garanzia, maschio o femmina si nasce per caso, sono le qualità a fare la differenza, non un sesso maschile femminile o trans.  Affermando questo concetto con estremo vigore, mi sono alienata negli anni il consenso di “femministe” dell’ultim’ora che non hanno mai vissuto né rivissuto, culturalmente sociologicamente, il femminismo eppur si ostinano a pensare che  femminismo sia imporre al marito di stendere i panni, stirarli, passare l’aspirapolvere e cambiare i pannolini al pupo. Ero troppo piccola per poterlo vivere il femminismo, ma l’ho talmente studiato, interrogato, setacciato, “escusso” che alla fine ne è venuto fuori pure un interessante romanzo “La domenica vestivi di rosso” (Marsilio editore) pubblicato due anni fa, letto in moltissime scuole d’Italia da studenti che con i loro professori si sono proprio cimentati in un concorso sui primi cinquant’anni del femminismo dal 1968 in poi. Molti studenti di Gela, affiancati da docenti bravissimi sono stati premiati con mia somma soddisfazione. Studiare, approfondire, analizzare, cercare fonti dirette e indirette dei phainòmena sociali, è indispensabile prima d’aprir bocca, soprattutto su temi che hanno davvero segnato una tappa fondamentale nella Cultura della Donna e nella Società tutta, perché ogni essere umano nasce dalla madre, cresce con la madre, quindi il “femminile”, che in psicanalisi era stato tanto bene studiato e analizzato, è stato finalmente soggetto e oggetto di una ”rivoluzione” femminista,  purtroppo rimasta dolorosamente azzoppata a mezza strada. Nel Sud d’Italia – rimarca – continua infatti pervicacemente a resistere il pregiudizio che la Politica la fanno gli uomini e che le eccellenze al femminile tutt’al più possono fare una professione. Alla fine ci ritroviamo con poche donne in Politica e per lo più di scarsa qualità, sono pochissime a conoscere la Costituzione anche nei suoi princìpi basilari (striscia la notizia docet)! Quando anni fa mi fu chiesto di fare l’assessore con tre deleghe (Cultura, Beni Culturali, Politiche giovanili) al Comune di Catania, la proposta mi fu rivolta esclusivamente sulla base della mia preparazione, inconfutabile e documentata in Italia come all’estero. Non conoscevo nessuno di quella giunta, nemmeno il sindaco che la presiedeva. Avevo però tutto quel che veniva richiesto ad un tecnico: cultura, eccellenza di curriculo personalità (citazione testuale del sindaco, il compianto Umberto Scapagnini). Volevano un tecnico, il migliore in campo, e fui scelta io. Dopo avere firmato mi fu detto che non c’era un soldo per le mie tre deleghe, ne fui felicissima. Non avrei avuto intorno a me parassiti né farabutti da cacciar via a pedate. Mi giocai tutto sulla mia capacità, innata solo un po’ acquisita, di comunicazione. Sono un animale da combattimento quanto a comunicazione e, a giudicare da cosa riuscii a fare in soli 4 mesi attivi di assessorato, fu arma vincente! Ebbi il consenso di tutta la Città, da san Giorgio a Librino, da San Cristoforo a Canalicchio, dal centro alle periferie, fui per tutti sorella da proteggere, combattente da sostenere a furor di popolo, paladina da onorare. Non ero vissuta a Catania mai, avevo solo studiato all’università, ma ruppi il “silenzio” delle Politica e ancora più, mutuo il nostro indimenticabile Andrea Camilleri, i cabbasisi di molti  farabutti che impastavano brutta infetta politica di cui sfamarsi. Comunicavo ogni giorno o quasi con tutta la Città, rinunciando ai miei linguaggi sostenuti per linguaggi immediati ed essenziali e fu vittoria.  I mass media erano sempre pronti ad accorrere e non restavano mai delusi sull’efficacia dell’evento, come quella volta, una festività, che non si poteva accedere a Castello Ursino per pretestuose questioni di straordinario. Lo aprii io il  Castello Ursino, accolsi gli ospiti e li guidai alla Mostra che avevo organizzato senza una lira, solo con le meraviglie d’arte che giacevano da secoli dimenticate impolverate nei magazzini! Si avvicinarono a me durante l’assessorato – ricorda –  giovani straordinari che davano presenza, aiuto, collaborazione, partecipazione, ma anche adulti, grandi professionisti,  che misero a servizio del mio lavoro tutte le loro energie. Non avere un soldo da spendere mi alienò i parassiti, i malfidati, mi avvicinò le anime belle che, se solo appena gli si dà ascolto, rispondono immediatamente con passione e generosità e fanno un esercito di proseliti. Mettiamoci in testa che i siciliani virtuosi, straordinari, perbene sono assai più che i cialtroni parassiti per i quali fare Politica, intrallazzando, è l’unico reddito. Tornando alla tua domanda, tappeti di porpora all’eccellenza alla serietà ai curricula veri sudati sul campo, non mai al “genere”. Tappeti di porpora a chi, da sempre, pratica l’onestà, la correttezza, l’arte d’agire virtuosamente in ogni campo, non solo professionale”.

I giovani, e non solo, hanno pochi strumenti lavorativi in Sicilia e preferiscono andare via. Come leggi quella che è divenuta una vera emorragia?

“Negli ultimi anni, da quando lasciare la Sicilia per studiare fuori, è una necessità non più una moda da figli di papà, che andavano a selfarsi a Milano, l’amore per la nostra Isola è tanto cresciuto nei giovani, ed è immenso, genuino, ricco di coloriture, le radici, il mito, i sapori, i colori, la bellezza che la Sicilia partorisce ogni giorno senza sforzo alcuno – e da cui si potrebbe fare grandissima economia se solo non si temessero i cervelli “molesti”-  i tramonti insanguati, l’odore di gelsomino in ogni stagione, il mare che canta come un menestrello innamorato, lo scirocco che pazzìa, la luna che svena in mare nel solfeggio dell’onda. Per questo e tanto altro, la Sicilia è un diritto inalienabile sacrosanto per chi, nato in Sicilia, vuole restarci non a mendicare un concorso che non si farà mai  o un’assunzione secondo occulti criteri che non premiano il merito. La Politica, oggi Musumeci domani il nuovo Presidente, hanno il dovere di garantire il diritto dei giovani a impegnare nella loro terra natìa energie, passione, studi, entusiasmo. Menti eccellenti,  straordinarie, snobbate in Sicilia, vanno a ruba in Paesi del Mondo dove vengono onorati, coltivati, premiati in ogni campo, dalla medicina alla ricerca, all’economia all’Arte, mentre la loro Terra madre diventa sempre più orfana dei suoi figli migliori. Non so se i giovani e il loro diritto a vivere in Sicilia facciano parte dei tanti programmi elettorali degli aspiranti Presidenti, l’esodo impressionante, dati alla mano, dimostra che nella realtà i nostri giovani vanno via, obtorto collo, ad arricchire altri Paesi perché in Sicilia non si può restare per chi non voglia pietire il reddito di cittadinanza”

La domanda è diretta, immediata. Se ti chiamassero dal Comune di Gela, per una consulenza o per offrirti una mansione legata al tuo curriculum, accetteresti?

Spesso ricevo offerte di consulenze da parte di Regioni, Comuni, Enti vari o seminari alle università ovunque. Lasciando da parte Gela, su cui è stata formulata la domanda, questo è il mio modus operandi: valuto con attenzione  e se l’incarico è nelle mie corde, spesso lo è, lo accetto e lo porto a buon fine sempre con ottimi risultati. Se invece ritengo di non potere dare il meglio, rifiuto. Faccio un esempio recente: pochi mesi fa mi è stato proposto, molto lautamente retribuito, di entrare nel consiglio di Amministrazione di un Ente in cui, nella fattispecie, avrei potuto spendere solo la mia onestà, la mia vigilanza, non certo competenze, le mie non erano idonee, e rifiutai! Non mi è congeniale far numero perché mi porto appresso il tatuaggio  dell’onestà, per cui un consiglio d’amministrazione si onora d’avermi, portarvi solo le mie credenziali d’integrità mi sembrava e mi sembra troppo poco. Devo sentirmi idonea agli argomenti non inadeguata. Quanti avrebbero rifiutato? Ecco il mio hastag!”

Non sapremo mai in quanti avrebbero rifiutato, cara Silvana. Ognuno risponde delle proprie azioni. E della propria moralità. Comunque, accennavi di un importante progetto in futuro…

“Per adesso non intendo parlarne. Vi terrò informati quando sarà il momento. La nostra è stata una piacevole chiacchierata affettuosa di natura sociale civico-politica, senza acrimonia alcuna, sui nostri balordi tempi”.

Conoscendola, Silvana Grasso ci stupirà anche nei prossimi mesi. Il vulcano di idee è sempre in eruzione…

@direttoreGiuseppeD’Onchia

Reply